Blog

Torna al Blog
crowdfunding start up

Crowdfunding e equity crowdfunding: cosa sono, come funzionano e le piattaforme più famose

di Redazione Notiziabile.it
Pubblicato il 18-06-2020

Crowdfunding, equity crowfunding e overfunding: cosa significano? Scopri tutto sui micro-finanziamenti per start up e pmi innovative.

Si sente parlare sempre più spesso di crowdfunding, la formula di micro-finanziamento più famosa del momento che sembra sfrutta il web, luogo dove idee e nuove iniziative prendono vita. In questo articolo vedremo cosa è il crowfunding, come funziona e parleremo di equity crowdfunding, la forma di crowdfunding oggi probabilmente più diffusa nel mondo delle start up.

Crowfunding: cos’è e come funziona

Il termine crowdfunding è l’unione di due parole: “crowd” cioè folla e “funding” cioè finanziamento. Nello specifico si tratta di un micro-finanziamento dal basso, cioè della pratica di trovare fondi e finanziamenti dalla folla. La "folla" più grande è sicuramente rappresentata dagli utenti web e sono proprio loro che decidono liberamente di investire nei nuovi progetti proposti che scelgono di finanziarsi tramite crowdfunding. Questo tipo di finanziamento è molto utilizzato soprattutto dalle start up. Il lancio di una nuova azienda comporta sempre un grosso investimento iniziale di captali e risorse, per questo sempre più imprenditori per sviluppare la propria idea si affidano a piattaforme certificate di crowdfunding. Queste piattaforme raccolgono tutti i nuovi progetti, li presentano alla “folla di investitori” del web e viene fissato un obiettivo di raccolta. Esistono vari tipi di crowdfunding, tuttavia la regola generale vuole che se l’obiettivo viene raggiunto nel tempo limite il progetto viene finanziato mentre se non viene raggiunto il denaro ritorna agli investitori.

Come fare a trovare investitori per il crowdfunding che credono nel tuo progetto? Questa è la domanda che tutti si pongono e la risposta non si può ridurre semplicemente ad aver un buon progetto. Per trovare i giusti investitori bisogna imparare a raccontare nel modo giusto il proprio progetto, “sapersi vendere” fornendo dei motivi validi a chi decide di investire in quella che ancora è solo un’azienda in atto e non una realtà solida. Diventa fondamentale a questo punto adottare una buona strategia di storytelling aziendale. Lo storytelling aziendale è un vero e proprio strumento di marketing e promozione con un grande potenziale che ha come obiettivo creare una connessione tra il brand, i clienti e i propri prospect (persone che rientrano nel target di potenziali clienti dell'azienda) e per questo risulta fondamentale per le campagna di crowdfunding. Farsi conoscere e farsi notare non è semplice ma è la chiave del successo e permetterà di trovare molti più investitori. Per soddisfare questa esigenza, Notiziabile ha ideato il suo servizio Full Start up che offre alle start up la possibilità di avere una strategia di comunicazione molto efficace che permetterà la sua promozione su diversi canali al fine di intercettare nuovi investitori.

Cosa è l’equity crowdfunding?

L’equity crowdfunding è una delle tipologie di crowdfunding più diffusa e scelta soprattutto da nuove imprese o start up. Questo tipo di finanziamento permette agli investitori di ottenere una quota di partecipazione dell’impresa. In parole semplici, le persone che partecipano all’investimento ricevono una piccola quota di partecipazione, diventano come dei soci di minoranza ma senza diritti decisionali. Moltissime start up di successo sono partite grazie ad una campagna di equity crowdfunding. Se l’obiettivo di una campagna viene raggiunto, cioè se si raggiunge la cifra prestabilita, i finanziatori ne ricevono una piccola parte sotto forma di dividendi, con lo stesso meccanismo con cui si agisce per gli azionisti.

Per le aziende uno dei vantaggi maggiori di questo tipo di finanziamento è senza dubbio la possibilità di ottenere del capitale da investire senza dover richiedere un prestito alle banche. Invece per gli investitori uno dei principali vantaggi è quello di poter investire anche somme relativamente basse in diversi progetti in modo da ridurre i rischi che invece porterebbe un solo investimento sbagliato.

Overfunding: quanto si guadagna?

L’overfunding si verifica quando una campagna di crowdfunding raggiunge una somma dagli investitori molto più alta di quella prefissata dall’obiettivo iniziale. Ad esempio, se una campagna con un obiettivo di 10mila euro ma ne riceve 50mila dagli investitori prima del suo termine si può parlare di overfunding. Perché succede? C’è stato un errore di valutazione? Non sempre. Ci sono tante buone idee ma poche sono idee vincenti e a volte chi ne ha una non subito riesce a capirne il potenziale. In tal senso, il crowdfunding a permesso di capire ancora prima che un prodotto o un servizio sia disponibile sul mercato se può avere successo, se c’è un pubblico che apprezza quell’idea.

Raggiungere l’overfunding non è facile ma non è un sogno così utopico come alcuni credono basta dare un’occhiata sulle piattaforme di crowfunding più importante e leggere alcune case-history per rendersi conto che moltissime campagna negli ultimi anni hanno raggiunto questo obiettivo. Ad esempio, uno studio che analizzato le campagne di diverse piattaforme ha dimostrato che nel 2018 circa il 98% delle campagne di equity crowdfunding ha chiuso in overfunding.

Le piattaforme di crowdfunding più famose in Italia

Le piattaforme di crowdfunding, o finanziamento, sono siti internet che mettono in contato investitori e nuovi progetti. Si tratta di intermediari certificati che permettono di far conoscere a nuovi potenziali investitori i progetti più interessanti da considerare e forniscono tutte le informazioni necessarie. Queste piattaforme hanno aiutato tantissime aziende, start up e start up innovative a partire e a diventare realtà imprenditoriali di successo. Oggi ne esistono moltissime e si dividono principalmente in piattaforme di crowdfunding generaliste, cioè che accolgono qualsiasi tipologia di progetto, oppure specialistiche o specializzate cioè riservate a progetti di un particolare settore. Vediamo un elenco delle più famose piattaforme di crowdfunding d’Italia e in Europa:

  • Kickstarter: ad oggi è una delle maggiori piattaforme di crowdfunding e con una community molto attiva a livello mondiale. È presente e attiva in 21 paesi;
  • StarsUp: è stata la prima ad essere autorizzata dal Consob, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, e moltissime start up o nuove imprese vi si affidano per lanciare i loro nuovi progetti. Offre anche un professionale servizio di consulenza per fissare la strategia di promozione e gli obiettivi di ogni progetto;
  • Mamacrowd: questa piattaforma permette di diventare soci di un’azienda tramite il metodo dell’ equitycrowdfunding che spiegheremo tra poco in questo articolo. In Italia è una delle più utilizzate e vi si trovano sempre nuovi progetti interessanti da finanziare, molte delle più importanti start up italiane sono partite proprio da qui;
  • Opstart: è una piattaforma che seleziona start up e pmi innovative dando la possibilità di raccogliere il capitale necessario per lo sviluppo dei loro progetti. Il suo valore aggiunto consiste nel garantire sia agli imprenditori che agli investitori garanzie di professionalità e competenza e facilita l’incontro tra le due categorie;
  • Gofoundme: rimane una delle piattaforme di crowdfunding più importante nel panorama internazionale ma si occupa principalmente raccolta fondi per azioni umanitarie o altre iniziative no-profit. Utilizza un modello di crowdfunding basuto sulle donazioni.

Uno degli aspetti più interessati di queste forme di micro-finanziamento è che il bacino dei potenziali investitori è illimitato, tutti possono prendere parte ad un progetto anche chi non ha grossi capitali da investire. Sebbene tutto avvenga in pochi click, è importante ricordare che avviare una campagna di equity crowdfunding richiede molto lavoro e delle competenze nell’analisi del mercato e delle potenzialità del prodotto o servizio che si vuole offrire.

Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK