Blog

Torna al Blog
fake news cosa significa

Fake news: cosa sono, come riconoscerle e come si diffondono?

di Redazione Notiziabile.it
Pubblicato il 20-04-2020

Le fake news sono delle notizie false che in poco tempo diventano virali. Ti spieghiamo come si diffondono e come riconoscerle per non cascarci più.

Veniamo bombardati ogni giorno da moltissime news. Grazie al nostro smartphone siamo iperconnessi e costantemente aggiornati sulle ultime notizie. Ma sono tutte vere? La risposta è semplice: no. Sul web vengono pubblicate ogni giorno centinaia di notizie false, meglio note come fake news. Scopri cosa sono, come si diffondono ma soprattutto come riconoscerle per non cascarci più. 

Fake news: cosa sono?

Le fake news sono tutte quelle notizie che, pur essendo inesatte o non vere, si diffondono in rete. Nell’Enciclopedia Treccani si legge: “un’informazione in parte o del tutto non corrispondente al vero, divulgata intenzionalmente o no attraverso il Web, i media o le tecnologie digitali di comunicazione, e caratterizzata da un’apparente plausibilità, quest’ultima alimentata da un sistema distorto di aspettative dell’opinione pubblica e da un’amplificazione dei pregiudizi che ne sono alla base, ciò che ne agevola la condivisione e la diffusione pur in assenza di una verifica delle fonti.”

Questa definizione è molto interessante perché parla di “sistema distorto di aspettative” e di “pregiudizi”. Chi scrive delle fake news sa benissimo che questo è vero e crea dei contenuti capaci di soddisfare questi pregiudizi in modo da ottenere la massima condivisione. Le fake news fanno leva sull’ignoranza e sulla pigrizia delle persone che sempre più raramente si fermano a verificare o approfondire quello che leggono su internet.

Come si riconoscono le fake news?

Non sempre è facile riconoscere se siamo di fronte ad una fake news o no. Tuttavia, ci sono dei trucchi per capire se la notizia che stiamo leggendo è falsa o no. Abbiamo individuato alcune cose da osservare per riconoscere una fake news:
  1. Il titolo: se la notizia ha un titolo esagerato, che ti lascia letteralmente a bocca aperta, forse, potrebbe non essere reale. Diffida sempre da chi usa i punti esclamativi nei titoli, sta solo cercando di attirare l’attenzione.

  2. Le immagini: la maggior parte delle volte ci soffermiamo a leggere una notizia perché siamo attirati dalla foto che la accompagna. La maggior parte delle immagini delle fake news sono ritoccate e non originali. Vi consigliamo un metodo efficace per verificare l’autenticità delle immagini dal web.

  3. Gli errori di ortografia: in qualsiasi contenuto web si possono trovare errori di battitura ma se ce ne sono molti significa che chi lo ha scritto non è un professionista. Gli articoli che riportano fake news spesso sono pieni di errori di ortografia e di battitura.

  4. Le fonti:come prima cosa possiamo dire che se una notizia viene riportata da un solo sito può essere soltanto o un’esclusiva o una fake news, e nell’era dell’informazione digitale sono veramente poche le esclusive tutti si copiano a vicenda. Per questo è molto importante risalire alle fonti di una notizia e non fermasi a leggere un solo articolo.

  5. URL: bisogna sempre controllare l’URL. Molti siti di fake news hanno storpiato il nome di testate autorevoli e certificate (Correre.it e non Corriere.it), anche solo invertendo una lettera, per far credere che la notizia sia scritta da quella redazione.

  6. La data: controllare la data di una notizia sembra una cosa banale eppure molte volte non ci facciamo caso. Chi si occupa di fake news lo sa bene e spesso ricondivide notizie che hanno generato molto movimento mediatico solo per aumentare le visualizzazioni anche se si tratta di contenuti vecchi.

  7. Il layout: il detto dice “l’abito non fa il monaco” ma non vale per i siti internet. Basta dare un’occhiata alla home di un sito per capire se è un sito professionale e sempre aggiornato.

Fake news: come si diffondono?

Navighiamo ogni giorno sul web, leggiamo tantissime notizie nel giro di pochi minuti, ormai dovremmo essere “vaccinati” contro le fake news. Invece non è così. Cadere nella trappola di una notizia falsa è molto più facile di quello che si crede e spesso lo abbiamo fatto senza neanche accorgercene. Il terreno più fertile per la diffusone di una fake news sono i social e in particolare Facebook.

Tuttavia, per fortuna è stato osservato che il ciclo vitale di una notizia fake non è molto lungo. L’Agcom (l’autorità garante per le comunicazioni) ha analizzato come il settore con più contenuti fake sia quello di cultura e spettacoli e la durata media della notizia falsa è di 8 giorni. Invece, il settore in cui si diffondono meno fake news è la politica, con 4 giorni di durata media più altri 3 di presenza effettiva. Purtroppo, esistono anche comunicati stampa che riportano fake news. La Redazione di Notiziabile.it, ad esempio, verifica sempre tutti i comunicati stampa che riceve e pubblica nella newsroom solo quelli che riportano vere notizie in modo da garantire un servizio affidabile e professionale.

Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK