Blog

Torna al Blog
start.up-pmi-innovative-differenze

Start up e PMI innovative: le differenze e come promuoverle sul web

di Redazione Notiziabile.it
Pubblicato il 09-07-2020

Scopri quali sono le differenze tra le start up e le pmi innovative, i vantaggi e i requisiti per averne una e come promuoverle sul web.

Il mercato imprenditoriale di oggi si basa essenzialmente su due grandi concetti: differenziazione e innovazione. Ogni giorno nascono nuove realtà imprenditoriali ma solo poche fanno la differenza, cioè riescono a soddisfare le esigenza di una fascia di consumatori bene precisa e ottengono risultati molto positivi. Allo stesso modo, oggi per spiccare tra gli altri, per fare veramente la differenza, risulta necessario muoversi nel campo dell’innovazione portando avanti progetti innovativi che sfruttano le ultime tecnologie.

In questo panorama, le start up innovative sono la realtà imprenditoriale più importante affiancate dalle pmi, o piccole medie imprese. Start up innovative e pmi innovative sono la stessa cosa? Qual è la differenza? Diciamo subito che start up e pmi innovative sono due realtà diverse. Nel corso di questo articoli vedremo le caratteristiche, i vantaggi e i requisiti di entrambe e scopriremo in cosa si differenziano.

Pmi innovative: cosa sono, requisiti e vantaggi

Spesso pmi innovative e start up vengono considerate la stessa cosa, soprattutto da quando il decreto legge n.3 del 2015 ha esteso alcuni dei vantaggi e delle agevolazioni previste per le start up anche alle piccole e medie imprese. Una pmi innovativa è una piccola azienda che agisce nell’ambito dell’innovazione.

Si possono definire pmi le aziende che: contano meno di 250 dipendenti, hanno un fatturato che non supera i 50 milioni di euro l’anno e un bilancio che non ne supera i 43 milioni.
Come la maggior parte delle start up, anche le pmi innovative cercano finanziamenti ed investitori tramite l’equity crowdfunding. Come per tutte le altre imprese, per farsi riconoscere lo statuto di pmi è necessario soddisfare dei requisiti.

Pmi innovative: i requisiti

Vediamo quali sono i principali requisisti che deve soddisfare una pmi innovativa:

  • avere la sede principale in Italia o in un paese membro dell’Unione Europea ma almeno una sede produttiva o una filiale deve trovarsi in Italia;
  • avere meno di 250 dipendenti; non essere quotata sul mercato regolamentato;
  • non essere iscritte al registro delle imprese dedicato alle start up innovative.

Come per le start up innovative che portano aventi progetti di ricerca, anche nelle pmi almeno 1/5 dei dipendenti devono essere dottorandi di ricerca, laureati con almeno tre anni di attività di ricerca certificata presso istituti pubblici o privati o per almeno 1/3 dei dipendenti in possesso di laurea magistrale. Infine, si deve essere titolari o depositari di almeno una privativa industriale, un brevetto, che attesti l’autenticità e unicità del lavoro che si sta svolgendo.

Finora abbiamo parlato delle pmi innovative ma se vuoi scoprire di più requisiti, le caratteristiche e le agevolazioni fiscali delle start up innovative abbiamo pubblicato poco tempo fa un articolo completo sul nostro blog.

Start up innovative e pmi: qual è la differenza?

Start up e pmi innovative sono molto simili ma ci sono alcune differenze che non si possono ignorare quando si entra in contatto con queste realtà imprenditoriali.
La principale differenza tra pmi e start up innovative è legata alla data di costituzione: le start up non devono essere costituite da più di cinque anni mentre per le pmi innovative non ci sono restrizioni temporali.

La seconda differenza sta nel valore di produzione annuo che per le start up deve essere inferiore ai 5 milioni di euro mentre per le pmi innovative, essendo piccole e medie imprese, il fatturato non deve superare i 50 milioni annui.

Start up e pmi innovative: come promuoverle?

Se hai appena lanciato una nuova start up o pmi innovativa e vuoi farti conoscere ci sono diversi modi per pubblicizzarla e promuoverla. Innanzitutto, bisogna creare un sito web aziendale dove potenziali investitori e clienti possono trovare tutte le informazioni utili. La presenza sui social è fondamentale, ti consigliamo di curare molto i profili social della azienda e cercare di ottenere un bacino di follower realmente interessati al progetto e che interagiscono con i contenuti pubblicati. Se i social sono importanti, non puoi certo ignorare i media tradizionali. Una start up può ottenere moltissima visibilità dalla pubblicazione di un articolo che la riguarda su una testata di settore.

Per questo motivo Notiziabile.it ha creato Full Start up, il servizio che permette alle start up o alle pmi innovative di farsi conoscere tramite i media tradizionali. Scopri il nuovo servizio Full Start up e tutti i suoi vantaggi. Il nuovo servizio Full Start up di Notiziabile.it ha come obiettivo principale quello di ampliare il bacino dei potenziali investitori di una nuova start up o pmi innovativa rendendo ai loro occhi più̀ sicuro e profittevole l'investimento. La professionalità di Notiziabile.it è al tuo servizio.
Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK