Blog

Torna al Blog
come farsi pubblicare comunicato stampa

Come farsi pubblicare un comunicato stampa: i nostri consigli

di Redazione Notiziabile.it
Pubblicato il 12-05-2020

Non basta scrivere un comunicato per creare una notizia. Scopri come far pubblicare il tuo comunicato stampa e diffondere la tua notizia.

Come farsi pubblicare un comunicato stampa? Chi ne sta scrivendo uno prima o poi si porrà questa domanda. Le redazioni ricevono ogni giorno centinaia di email contenenti comunicati stampa e capire quali siano i motivi che spingono un giornalista a sceglierne uno e non l’altro sono tutti da rintracciare nel suo contenuto.

La regola fondamentale è che un comunicato stampa verrà pubblicato solo se è veramente una notizia, solo se ha da dire qualcosa. Dipende tutto dal contenuto. Scrivere un contenuto “notiziabile” è l’unica cosa da fare. I giornalisti, ma soprattutto i lettori, sono attratti solo dalle vere notizie e devi assicurarti che il tuo comunicato ne contenga una se vuoi essere pubblicato.

Come farsi pubblicare un comunicato stampa: consigli efficaci

È molto difficile scrivere un comunicato stampa perfetto, bisogna considerare tanti aspetti e fare attenzione a tutti i dettagli. Tuttavia non è impossibile. Innanzitutto, affinché un comunicato stampa venga pubblicato deve essere scritto bene e non contenere errori strutturali e ortografici. Il testo deve rispettare la struttura di comunicato stampa così il lavoro del giornalista sarà semplificato e le probabilità di pubblicazione aumenteranno.

Approfondiamo la questione del contenuto. Il comunicato stampa deve contenere una notizia. Ad esempio, non serve a nulla scrivere un testo auto celebrativo della tua azienda per farla conoscere ai media, verrà sicuramente ignorato (se vuoi farti conoscere scopri come fare un efficace storytelling aziendale). Quando un giornalista legge un comunicato stampa si aspetta di trovare qualcosa da raccontare e di trovarla subito. Non arriverà fino alla fine del testo per cercare un senso a quello che stai raccontando e se ad una prima occhiata non riesce a capire di che si parla non lo rileggerà.

I giornalisti si dividono fondamentalmente in due categorie: quelli impegnati e quelli pigri, in entrambi i casi se non puoi dare loro le informazioni di cui hanno bisogno fin da subito andranno avanti con il comunicato successivo. Un comunicato stampa deve essere un testo breve capace di catturare l’attenzione leggendo soltanto le prime tre o quattro righe. Catturare l’attenzione di un giornalista è fondamentale per riuscire a far pubblicare un comunicato stampa.

Come inviare un comunicato stampa

La seconda domanda che ci si pone una volta scritto un comunicato stampa è: come inviarlo? La cosa fondamentale è avere lo strumento giusto per l’invio di emal multiple: le email gratuite e aziendali permettono di inviare solo 200/300 messaggi al giorno. Conviene investire in un tool che permetta di inviare più email per contattare tutti i giornalisti che vuoi raggiungere. Inoltre, inviare comunicati stampa con email gratuite o aziendali costituisce un problema perché vengono inviati da server non certificati anti spam quindi il tuo comunicato potrebbe finire tra i "messaggi pubblicitari non richiesti". 

Se si vuole far pubblicare un comunicato stampa bisogna recapitarlo solo ai giornalistiblogger e redazioni in target. Cosa significa? Che non tutti i giornalisti sono interessati alla stessa notizia. La tua notizia deve raggiungere la persona giusta al momento giusto. La forza di un ufficio stampa sta tutta nel suo database di contatti. Trovare quelli di giornalisti, blogger e addetti alla comunicazione in target non è semplice. Per creare un database di contatti certificati ci vogliono anni e un aggiornamento continuo, solo un ufficio stampa professionale può garantire questo servizio. 


Come si scrive una notizia?

Abbiamo già parlato sul nostro blog su come scrivere un buon articolo o un comunicato stampa efficace, quindi qui vogliamo approfondire un altro aspetto. Vedremo quali sono gli elementi fondamentali di una notizia con la N maiuscola:

  • Originalità: una vera notizia racconta un fatto originale, unico e non è un “copia e incolla” di informazioni. Soprattutto nell’epoca dell’informazione digitale trovare delle notizie originali tratte da fonti certificate è molto difficile.

 

  • Un protagonista: ogni notizia deve essere legata ad una persona, un’azienda, un evento o qualsiasi altra cosa che è possibile identificare. Le notizie generiche non interessano a nessuno. Ricorda che per strutturare bene un articolo è fondamentale che risponda alla regola delle cinque W del giornalismo e che sia strutturata secondo la tecnica della piramide rovesciata

 

  • Utilità: misurare il grado di utilità di una notizia non è facile perché non tutti hanno gli stessi bisogni. Una notizia utile è quella che arriva nel posto giusto al momento giusto, come fare? Basta individuare sempre il target, cioè i potenziali destinatari di quella notizia e scoprire che interessi hanno.

 

  • Capacità di emozionare: non significa che deve far commuovere. Per spiegarci meglio potremmo dire che una buona notizia è quella che provoca una reazione in chi la legge. Ad esempio dovrà saper incuriosire, stupire e interessare chi la legge.


Ti consigliamo di non fare tutto da solo. Notiziabile.it ha un database di oltre 60mila contatti certificati ma non inviamo a tutti ogni comunicato stampa, non servirebbe a nulla. Prima di ogni invio è necessaria un’attenta analisi del contenuto e una volta individuato l’argomento principale, viene inoltrato solo a chi potrebbe essere interessato a leggerlo e a scriverci un articolo. Lo spam di contenuti non è una strategia vincente, anzi, porta alla perdita di credibilità e verrai ignorato sicuramente.

 

Share
Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se continui a navigare accetterai l'uso di questi cookie. Ulteriori informazioni
OK